Dichiarazione di Copyright © Tutto il materiale contenuto nel presente sito appartiene ai rispettivi proprietari, secondo le norme sul diritto d'autore. Non è possibile usare il contenuto di questo sito per uso personale e/o commerciale. E' ammesso l'uso solo per motivi privati ed è gradita la citazione della fonte.

Classifica delle 10 cartoline più viste del mese

mercoledì 18 maggio 2011

Cartolina del Palazzo del Picchetto a Livorno

Il Palazzo del Picchetto, o più semplicemente noto come Picchetto
sorge nel centro di Livorno, lungo la via Grande, delimitando al contempo il lato nord occidentale di piazza Guerrazzi. 
L'edificio, che si inserisce a pochi metri dal Cisternino di città e dal 
monumento a Francesco Domenico Guerrazzi
è stato sede, fino ad un recente passato, del Comando dei Carabinieri.
Il Palazzo del Picchetto fu costruito nel 1701 su disegno del celebre architetto Giovan Battista Foggini.
Pochi anni dopo, intorno al 1707, l'edificio fu ristrutturato ed ampliato da Giovanni del Fantasia per volere del granduca Cosimo III de' Medici come riportato dalla lapide posta sulla facciata di via Grande, che cita "amplitudinem donavit".

Il Picchetto sorse come caserma militare nei pressi della Porta a Pisa (scomparsa intorno alla metà dell'Ottocento), all'interno della città fortificata ideata da Bernardo Buontalenti; nei pressi sorgevano la chiesa di Santa Barbara e, sin dall'epoca medioevale, la piccola cappella di Santa Giulia (entrambe scomparse).
Peraltro, il palazzo, assieme al vicino Cisternino di città, è l'unica struttura posta sulla via Grande ad essere scampata alle distruzioni legate alla seconda guerra mondiale, quando l'intera strada fu oggetto di devastanti bombardamenti, assieme a buona parte del centro storico della città, all'epoca occupato dai tedeschi.

Il palazzo presenta una pianta ad "L", con una facciata solida e maestosa.
Il prospetto fu decorato con sculture di Andrea Vaccà, da Carrara, che realizzò due pelli di tigre, aperte e munite di testa e zampe, sopra le porte laterali dell'edificio.
Sulla facciata di via Santa Barbara è posta una lapide, datata 1962, nella quale si ricorda che di fronte al palazzo, nella zona della scomparsa chiesa di Santa Barbara (1581), sorgeva una chiesa di epoca longobarda dedicata a Santa Giulia di Porto Pisano, che fu distrutta dalle truppe di Carlo I d'Angiò nel 1268.
L'interno è caratterizzato da un cortile delimitato da eleganti loggiati disposti su più ordini.

In piazza Guerrazzi vedi anche:


    Nessun commento:

    Posta un commento

    I Video de La Vecchia Livorno su YouTube

    Loading...